L’EROICA 2015

Ogni anno ci ritroviamo a dire che l’Eroica ha perso lo spirito autentico e i valori del ciclismo che tanto amiamo noi ciclostorici, che, “basta questa è l’ultima!”.

Ma immancabilmente smaltita la fatica e assorbito l’acido lattico la voglia di iscriversi per l’edizione successiva ha sempre il sopravvento.

Nonostante i manifesti degli sponsor siano sempre più prorompenti, l’Eroica resta l’evento di riferimento nel panorama delle ciclostoriche, un evento a cui non si può proprio rinunciare.

Quest’anno lo squadrone Artico, nonostante un arrivo un po’ a scaglioni, presenta un buon numero di partecipanti.

Il venerdi parte il primo camper, con Valerio alla guida, assistito da Franco P. e il Vicentino Raffaele.

Il sabato mattina li raggiungono il Presidente e Diego col camperino. Nel frattempo sono scesi anche Ivan e Alice che aspettano altri ragazzi di Barbarano.

WP_20151003_001

Il sabato è tutto dedicato al mercatino. Nel pomeriggio ci troviamo quasi per caso con Ivan e Alice con cui ci organizziamo per il giorno successivo, anche se purtroppo a causa dell’infinito numero dei partecipanti, e le conseguenti resse alla partenza, la domenica mattina non riusciamo a beccarci.

Domenica mattina sveglia alle 4:30, alle 5 siamo in centro a Gaiole pronti per partire.

WP_20151004_04_50_47_Pro

I primi chilometri sono sempre i più rognosi a causa del freddo micidiale! Anche se ovviamente per noi artici più di tanto non è un problema. Passiamo il tranquillamente il Brolio e poi giù verso Pianella. Le prime luci dell’ alba arrivano che stiamo ormai entrando a Siena.

WP_20151004_002

I chilometri scorrono, su e giù per le crete senesi. La media non è altissima, spesso ci distraiamo a a osservare il paesaggio.

Colline a perdita d’occhio, viali di cipressi, casolari e castelli rinascimentali tutto avvolto da una leggera bruma mattutina. Pedali e ti senti immerso in una suggestione unica.

WP_20151004_06_56_41_Pro       WP_20151004_001

Questo è il vero motivo per cui ogni anno ci ritroviamo a pedalare all’Eroica, il panorama non ha eguali!

Diego procede a ritmo spedito, e al bivio tra medio e lungo percorso vola dritto verso il lungo. Noi optiamo per il medio…135 km non sono poi così male.

Nonostante quest’anno sfoggiamo per la prima volta la maglia in lana de L’Artica un sacco di gente ci riconosce ed è sempre un piacere scambiare qualche parola e condividere un po’ di fatica in compagnia.

Tra un temporale e qualche spiraglio di sole i chilometri scorrono in un susseguirsi di paesaggi mozzafiato, di salite dure, molto dure e devastanti. E poi giù per discese spaccabraccia rese ai limiti del praticabile a causa della pioggia che spesso creava dei veri e propri torrenti di fango e sabbietta terribilmente viscida.

WP_20151004_003

Il gruppetto del giro medio arriva in tranquillità verso le quattro del pomeriggio. Nel tardo pomeriggio arriva anche Ivan che si porta a casa il “lungo” alla sua prima eroica (sticazzi!). Nel frattempo arrivano a Gaiole anche Alice e i ragazzi di Barbarano.

Al scendere della sera arriva anche Diego che con una gran prova di forza e tenacia, tipicamente Artica, chiude con onore i 209 (forse anche qualcuno in più vista una deviazione involontaria a causa di una freccia nascosta).

6tag-459003768-1089291849903564732_459003768  WP_20151004_20_38_17_Pro

Una sciacquatina alla meno peggio e via verso casa in camper, brontolando un po’ perchè lo spirito de l’Eroica non è più quello di una volta, ma alla fine chissenefrega, pedalare con 6000 persone sulle strade bianche del chianti è uno spettacolo irrinunciabile!

 

 

 

One thought on “L’EROICA 2015

  1. bellissimo post! anche il mio compagno e io c’eravamo (da genova) e anche noi ci lamentiamo sempre di quanto è diventata commerciale ecc… eppure non manchiamo mai, neanche nella versione primavera (meno dura ma comunque bella, e soprattutto decisamente più vivibile/ senza quella cavolo di estrazione). se tutto va bene a gennaio veniamo da voi a fare l’artica!! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *